L’IVA? UN’IMPOSTA INIQUA!

18 Maggio 2020 Off di Acciaio

Autore: Acciaio

L’IVA (imposta sul valore aggiunto) è un’imposta che si applica sul valore aggiunto di ogni fase della produzione e dello scambio di beni e servizi.

È un’imposta nata per colpire i consumi.

L’aliquota ordinaria è del 22%, mentre esistono altre 2 aliquote: 10% (principalmente nel settore turistico) e 4% (beni di primaria necessità).

Facendo un esempio molto esemplificativo per chi non si intende molto di economia:

Una bicicletta costa 100€, con l’IVA al 22% la pagate 122€.

PERCHÉ SECONDO NOI DI LAVORO E LIBERTÀ QUESTA TASSA È INGIUSTA?

Secondo noi è ingiusta perché colpisce i cittadini nella stessa maniera indipendentemente dal reddito!

Per esempio: il pacco di pasta lo compra l’operaio, il precario della scuola, il pensionato, il disoccupato; ma anche il grosso imprenditore, il manager, l’ereditiere, il banchiere ecc….

Partendo dal presupposto che nel nostro modo di vedere la società il sistema di tassazione sarebbe estremamente diverso rispetto a quello del mondo capitalista, riteniamo che in questa società:

VADA ABOLITA L’IVA E SOSTITUITA CON UN’ IMPOSTA PROGRESSIVA SUL REDDITO che colpisca in maniera maggiore i ricchi, e salvaguardi le classi meno abbienti.

W I LAVORATORI!